Boni eh! che ho già prenotato i biglietti pe’ venì a sta’ in Italia. Me piace sta savana. Ma vo’ mette’ quanno c’hai tanti arberi tutti attorno. Ve ricordate Lucio Dalla? … sì quanno cantava “L’anno che verrà” e che faceva a ‘n certo punto: “sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno”. Adesso, Berlusconi ce fa perenne la Festa dell’arbero per tutto l’anno. Ne vole piantà un milione a città. E li vole piantà co na logica: tutti a tondo attorno le case.

Certo, da quanno l’ho sentito ce sto a penzà: ma perché lui fa tutto a milionate. Boh? sarà na fisima sua. Comunque, è proprio na bella idea. A me l’arberi me piacciano. A tutte noi zebre ce piacciono e stemo a scompisciarci de risate quanno li leoni ci devono da rincorre in mezzo ai tronchi. Però, è nartra riflessione che devo proprio da fa. Nun è proprio buffo che er palazzinaro più famoso d’Europa meridionale se decida a investì in arberi invece che ner cemento? Voi vede che a invecchià, come fa er vino bono, uno s’ammigliora.

E nun ce sta mica solo lui. Me dicono che nun c’è più Debito pubblico, er tetto della spesa, l’esigenza der Bilancio. Stanno tutti a promette mari e monti e questo, e quest’artro. A Lucio Dalla je fanno un baffo tutti quanti. Nun c’era proprio da crede, ma voi vedè che sti politici italiani so’ proprio bravi e ve stanno a costruì Bengodi ….