Oltre 100 milioni di persone – circa un terzo della popolazione degli Stati Uniti – sono adulti non anziani che non hanno figli minori in famiglia  e non hanno gravi disabilità. Più di uno su otto di questi adulti è in povertà.

Questi adulti hanno bisogno di supporti più forti per aiutare a soddisfare i bisogni essenziali, un problema che i disagi provocati dalla pandemia Covid-19 hanno ingrandito.

Questa la conclusione cui è giunto un gruppo di ricercatori statunitensi che denuncia un sistema logoro e frammentato di sostegno per adulti a basso reddito e senza figli minori con una pubblicazione messa in rete da Center on Budget and Policies Priorities ( CLICCA QUI ).

Il sistema americano di supporti economici e sanitari – come Medicaid, il Supplemental Nutrition Assistance Program (SNAP) e crediti d’imposta rimborsabili – è principalmente orientato ad aiutare i bambini e i loro genitori, le persone con disabilità e gli anziani. I sussidi di base per gli adulti a basso reddito, non anziani, senza figli, in particolare per coloro che non soddisfano un rigoroso standard di disabilità, sono deboli, frammentati e spesso altamente restrittivi, lasciando molti di queste persone senza l’aiuto necessario di base. Questi adulti hanno bisogno di supporti più forti per soddisfare i loro bisogni essenziali, un problema che le privazioni portate dalla pandemia COVID-19 hanno amplificato.

Rispetto alla popolazione più ampia di adulti non anziani, quelli a basso reddito sono giovani, hanno un livello di istruzione inferiore o hanno una disabilità che potrebbe non essere abbastanza grave da qualificarli quali assegnatari del reddito di sicurezza supplementare (SSI) o del Social Security Disability Insurance (SSDI), mentre ne impedisce o ne limita il lavoro. A causa del razzismo “sistemico” e di altri fattori che determinano minori opportunità di istruzione e di  lavoro, gli adulti non anziani che sono neri o latini hanno maggiori probabilità di avere redditi bassi.

La maggior parte di questi adulti  in grado di lavorare spesso svolgono lavori con maggiore precarietà e volatilità, non retribuiti con salari abbastanza alti da consentire a queste persone di soddisfare i bisogni di base, come quelli del cibo adeguato e nutriente o di avere disponibili alloggi sicuri e stabili. Spesso questi tipi di lavoro non garantiscono neppure benefici come l’assicurazione sanitaria basata sulla copertura coperta dal datore di lavoro.

I programmi di sicurezza economica risolvono i problemi della povertà pochi adulti non anziani a basso reddito senza figli minori

Il sistema nazionale di aiuti economici e sanitari spesso lascia questi adulti senza assistenza o con una copertura solo minima. Mentre l’attuale sistema di programmi di sicurezza economica copre il 40% degli adulti poveri, non anziani e con figli minorenni in povertà del 40%, aumentando i loro redditi familiari al di sopra della soglia di povertà, questi programmi riducono il tasso di povertà di solo dell’8% .

Gli adulti non anziani a basso reddito che non convivono con un figlio minorenne hanno la probabilità di godere di un’assicurazione sanitaria per il 29%, mentre quelli che vivono con bambini del 24%. Questo problema è più grave nei 14 stati che non hanno implementato l’espansione Medicaid dell’Affordable Care Act (ACA), dove questi adulti non sono idonei all’assicurazione sanitaria tramite Medicaid (a meno che non abbiano una grave disabilità).

Una famiglia su dieci senza figli minori ha sperimentato l’insicurezza alimentare nel 2019. Per il sottogruppo di questo gruppo composto da adulti non anziani a basso reddito che non convivono con figli minori e non hanno una disabilità, è disponibile l’assistenza alimentare attraverso SNAP solo per tre mesi su 36 mentre non sono occupati o partecipano a un programma di lavoro o di formazione almeno per metà del tempo, a meno che non vivano in un’area temporaneamente esente da questa restrizione a causa dell’elevata disoccupazione.

Il governo federale ha lasciato agli Stati la facoltà di decidere in materia. Spetta interamente a loro decidere quanto fornire le coperture e a quali condizioni. La maggior parte degli stati non ha mai assicurato un sostegno sostanziale a questo gruppo. Inoltre, il sostegno al reddito per questi individui si è notevolmente indebolito negli ultimi 30 anni e continua a diminuire.

La pandemia COVID-19 e le difficoltà economiche che ha causato hanno ulteriormente evidenziato lacune critiche nel sistema di sostegno economico e sanitario americano. Gli adulti a basso reddito, non anziani senza figli, sono stati particolarmente colpiti, a causa dei loro redditi bassi e dell’occupazione sproporzionata nelle industrie a bassa retribuzione che hanno subito maggiori perdite di posti di lavoro. Inoltre, i neri, i latini, gli indigeni e gli immigrati sono stati colpiti in modo sproporzionato sia dalla crisi sanitaria che dalle sue ricadute economiche. Con milioni di persone disoccupate o che devono affrontare notevoli perdite di reddito durante la recessione economica del COVID-19, la mancanza di un sostegno economico e sanitario più forte per questo gruppo sta avendo un impatto particolarmente acuto.