Finalmente il valore delle competenze assurge a chiave di volta dei processi economici, non di un’impresa high tech, bensì di un intero continente.

Il piano “in cui si gioca il destino del paese” (Draghi) riporta il termine “Capitale Umano” per ben 36 volte.  Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR e Fondo Complementare) insiste in ognuna delle sei Missioni di cui è composto (digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute) sull’importanza di formare e mantenere quel Capitale Umano necessario alla conduzione di ogni impresa, progetto o paese.

Anche le quattro prospettate riforme di contesto (pubblica amministrazione, giustizia, semplificazione della legislazione e promozione della concorrenza) puntano inesorabilmente sul Capitale Umano. Di nuovo Draghi, nella replica al Senato del 27.4 u.s., sottolinea che “la qualità del capitale umano che si accumulerà nei prossimi mesi, nei prossimi anni, è molto importante.”

Da che nel 1961 Theodore W. Schultz (Nobel 1978) parlò, per la prima volta, di Human Capital al PNRR sono stati fatti passi da gigante. Permetteteci di esserne lieti e fieri, perché da anni ci battiamo per un’economia che abbiamo definito antropologica, cioè basata sull’agire dell’uomo all’interno e all’esterno del processo economico.

Ma oltre la teoria (cfr. “Anthropological Economics”, EPD Edizioni, 2021), abbiamo suggerito anche la soluzione pratica attraverso diverse azioni concrete quali, ad es., l’estensione e la promozione della:

– Proposta di Legge alla Camera C-1110/2018 – “Introduzione del capitale intellettuale quale voce dell’attivo del bilancio dello stato patrimoniale del bilancio delle società”.

– Disegno di Legge al Senato S-1427/2019 – “Modifiche al codice civile in materia di valorizzazione in bilancio del capitale umano”.

– Legge Regionale Puglia n. 9 agosto 2019, n. 36 – “Valorizzazione delle risorse immateriali delle imprese per lo sviluppo dell’economia pugliese”.

– Proposta agli Stati Generali del Governo Conte (giugno 2020) sulla “Valorizzazione delle competenze in bilancio” CLICCA QUI ).

– Proposta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero per il Sud e la coesione territoriale (aprile 2021) sullo stesso tema.

Ovviamente, il Capitale Umano non è stato inserito nel PNRR per merito nostro, anche se ne abbiamo parlato con tutte le forze politiche, le associazioni datoriali, sindacali e di categoria, ma altrettanto chiaramente i fatti ci stanno dando ragione.

Alberto Di Martino e Giuseppe Fischetti