The New York Times ha pubblicato un ampio articolo sulla crescita delle spese militari Usa e il vero e proprio “boom” che stanno vivendo i costruttori di armi (CLICCA QUI). Lo proponiamo qui con una libera utilizzazione e traduzione.

La prospettiva di crescenti minacce militari sia dalla Cina, sia dalla Russia sta guidando il sostegno bipartisan dell’aumento della spesa del Pentagono, garantendo un “boom” per i produttori di armi che probabilmente è destinato ad andare oltre la guerra in Ucraina.

Il Congresso è sulla buona strada nella prossima settimana per dare l’approvazione finale a un bilancio militare nazionale che dovrebbe raggiungere circa gli 858 miliardi di dollari, ovvero 45 miliardi di dollari in più rispetto a quanto richiesto dal presidente Biden.

Se approvato a questo livello, il budget del Pentagono sarà cresciuto del 4,3% all’anno negli ultimi due anni – anche considerando l’inflazione – rispetto a una media di meno dell’1% all’anno in dollari reali tra il 2015 e il 2021, secondo un’analisi dal Centro per le valutazioni strategiche e di bilancio realizzata per il New York Times.

La spesa per gli appalti aumenterebbe notevolmente il prossimo anno, compreso un aumento del 55% nei finanziamenti dell’esercito per l’acquisto di nuovi missili e un aumento del 47% per gli acquisti di armi della Marina.
Venerdì scorso, Jake Sullivan, il Consigliere per la sicurezza nazionale di Biden ha spiegato l’aumento in termini strategici affermando che la guerra in Ucraina ha messo in luce carenze nella base industriale militare della nazione che devono essere affrontate per garantire che gli Stati Uniti siano “in grado di sostenere l’Ucraina e per essere in grado di affrontare le contingenze in altre parti del mondo”.

Lockheed Martin, il più grande appaltatore militare della nazione, ha ricevuto richieste per più di 950 milioni di dollari di propri ordini militari missilistici dal Pentagono in parte per riempire le scorte utilizzate in Ucraina. L’esercito ha assegnato a Raytheon Technologies contratti per oltre 2 miliardi di dollari per fornire sistemi missilistici per espandere o rifornire le armi utilizzate per aiutare l’Ucraina. (…)

Ancora più ordini stanno arrivando dagli alleati degli Stati Uniti in Europa e in Asia, poiché anche loro sono convinti di doversi armare di più contro le crescenti minacce globali. Il Giappone si è mosso questo mese per raddoppiare la sua spesa per la difesa nei prossimi cinque anni, mettendo da parte una posizione pacifista che ha ampiamente mantenuto dal 1945 (CLICCA QUI).

E niente di tutto questo raggiunge i circa 18 miliardi di dollari di consegne di armi pianificate, ma ora ritardate da parte degli Stati Uniti, per armare Taiwan contro un possibile attacco futuro della Cina. (…)

L’esercito ucraino ha consumato anni di capacità di produzione missilistica dei fornitori occidentali nel giro di pochi mesi. Allo stesso tempo, gli appaltatori rimangono preoccupati per soddisfare la crescente domanda di armi che potrebbero prosciugarsi di nuovo quando la guerra finirà o la politica cambierà rotta. (…)

Il disegno di legge approvato giovedì dal Senato impedisce all’Aeronautica e alla Marina di ritirare i vecchi sistemi d’arma che i militari vorrebbero mettere fuori servizio, inclusi alcuni aerei da trasporto C-130 o caccia F-22. Allo stesso tempo, prevede miliardi di dollari extra per costruire ancora più nuove navi e aerei rispetto a quanto richiesto dallo stesso Pentagono, inclusi $ 2,2 miliardi destinati solo ad un cacciatorpediniere missilistico della Marina.(…)

La spesa potrebbe essere ancora più elevata, poiché il Congresso sta anche valutando una richiesta di ulteriori 21,7 miliardi di dollari per il Pentagono, oltre al budget annuale già ampliato del 2023, per stanziare altre somme destinate a sostituire i materiali utilizzati in Ucraina. (…)

Ciò aiuta  a spiegare l’andamento del mercato azionario dei principali appaltatori militari, un piccolo gruppo dei quali controlla la maggior parte delle vendite al Pentagono. Lockheed e Northrop Grumman hanno entrambi visto i loro prezzi delle azioni salire di oltre il 35%quest’anno in un mercato i cui indici principali sono complessivamente in calo. (…)

La quantità delle munizioni e dei missili inviati in Ucraina spiega quanto materiale può consumare una guerra. Ciò include più di 104 milioni di munizioni per armi leggere, almeno un milione di proiettili di artiglieria da 155 millimetri, 46.000 armi anticarro, più di 1.600 missili antiaerei Stinger e 8.500 missili anti-armatura Javelin, secondo un conteggio del Pentagono. (…)

La spesa complessiva per la difesa nazionale rimane ancora relativamente bassa come percentuale dell’economia della nazione: circa il 3,2% del prodotto interno lordo di quest’anno, rispetto al 37% raggiunto per la Seconda guerra mondiale e al 13% di quella di Corea.

Ma ci sono altri ordini in arrivo. All’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina, la Svizzera e la Germania si sono entrambe mosse negli ultimi mesi per finalizzare gli ordini per i caccia F-35, per un valore complessivo di 16 miliardi di dollari. Le notifiche complessive di vendite militari estere al Congresso finora nel 2022 hanno totalizzato 81 miliardi di dollari, la terza cifra più alta negli ultimi 25 anni, con una quota crescente di queste vendite destinata a nazioni europee e asiatiche. (…)