I cristiani di tutte le fedi guardano con crescente preoccupazione ai fatti d’Ucraina. Due nazioni in gran parte di fede ortodossa finite in guerra dopo l’invasione da parte della Russia che, pure, ha visto sue eminenti personalità religiose parlare di “guerra santa”. Entrambi questi popoli sono molto devoti a San Nicola e a questa comune devozione fa riferimento il seguente articolo di Nino Sergi pubblicato su Vita con l’auspicio che il tanto famoso santo aiuti a ritrovare il cammino della Pace.

Di fronte a crisi e guerre insensate e difficilmente risolvibili ho pensato spesso alla necessità di iniziative di carattere straordinario, capaci di generare la più ampia attenzione, impressionare, disorientare, scuotere, aprire a nuove prese di coscienza e quindi a nuove prospettive. Difficili, certo, quasi impossibili ma forse proprio per questo con qualche possibilità di influire su situazioni di stallo. Stallo che non significa immobilità ma, come ho troppo spesso potuto vedere, ferocia, scontri, morti, distruzioni, macerie, denutrizione, ferite difficilmente rimarginabili, attacchi a popolazioni civili inermi compresi i bambini.

Ne scrivevo già il 7 marzo scorso (CLICCA QUI). Ci ritorno ora perché la guerra di aggressione all’Ucraina rischia di non fermarsi così presto come potevamo sperare ma solo dopo ulteriori devastazioni fisiche e umane, con la costante minaccia di passare ad armi non convenzionali di distruzione di massa.

Cosa potrebbe colpire nel profondo le popolazioni russe e ucraine, compresi i combattenti, a tal punto da fare sospendere i combattimenti, almeno per qualche giorno o qualche settimana? A mio avviso la domanda potrebbe non essere campata totalmente per aria. San Nicola di Bari potrebbe favorire una tregua tra Russia e Ucraina. Non parlo ovviamente della speranza di un miracolo ma della certezza dell’immensa devozione per San Nicola, venerato da tutte le chiese ortodosse e dalla chiesa cattolica. Nelle chiese russe quella di Nicola è la terza icona insieme a Gesù e Maria col bambino. Il suo culto è esteso da Oriente ad Occidente.

Per leggere tutto l’articolo CLICCA QUI