Seleziona Pagina

Lavoro: il “gender gap” e le donne straniere

“Percorsi di Secondo Welfare” prosegue l’esame del divario di genere in tema di mercato di lavoro con il seguente articolo

In Italia il divario di genere è superiore alla media europea ma risulta particolarmente ampio in una fascia specifica della popolazione. Le immigrate vivono infatti un doppio svantaggio nell’accesso al mercato del lavoro: essere donne e essere straniere. Ecco perché le politiche pubbliche non possono non tenerne conto.

Come ricordato anche da Openpolis (CLICCA QUI), in Italia il lieve ma costante aumento della presenza femminile si è verificata a partire dal 2006. Sono soprattutto alcune nazionalità dal Sud Est asiatico e dall’Est Europa ad aver sviluppato un’immigrazione per lo più femminile: parliamo di chi viene dalle Filippine, dalla Thailandia, dalla Romania, dalla Bielorussia e dall’Ucraina che, come sappiamo, oggi vive il drammatico esodo dalla guerra (flusso composto quasi esclusivamente da donne e bambini).

Una nuova sensibilità sui temi migratori

Negli ultimi otto anni, e a partire dal picco degli sbarchi del 2014 (CLICCA QUI) – 2016 (CLICCA QUI) , il dibattito sulle migrazioni in Italia si è concentrato sul sistema di accoglienza di richiedenti asilo, correndo talvolta il rischio di dimenticare che questi ultimi hanno pur sempre costituito una piccola componente della popolazione straniera in Italia, Paese nel quale le politiche di integrazione rivolte alla popolazione immigrata nel suo complesso non sono mai veramente decollate (si veda per una ricostruzione del dibattito(CLICCA QUI).

La pandemia ha da un lato peggiorato le condizioni di vita e di lavoro degli immigrati nel nostro Paese, dall’altro ha fatto scivolare via dall’agenda politica e mediatica l’intera questione. Oggi però gli sconvolgimenti dovuti all’irrompere della guerra nel cuore dell’Europa hanno riportato la questione dell’accoglienza in primo piano.

Oltre a seguire con partecipazione e attenzione ciò che sta avvenendo, è fondamentale riflettere sull’attuale stato di salute dell’integrazione nel nostro Paese e non perdere di vista il quadro più generale delle condizioni di vita e di lavoro della popolazione immigrata. Per farlo, può essere utile partire dalle condizioni di vita e di lavoro di quella componente della popolazione immigrata che, fino a ieri, non ha avuto il posto che merita nel dibattito pubblico: le donne straniere.

Ed è tanto più importante se partiamo dal presupposto che in Italia le donne, nel loro complesso, vivono un forte svantaggio nell’accesso al lavoro. Ciò avviene anche a dispetto del livello di istruzione (CLICCA QUI , a cui si somma il peso dei compiti di cura che ancora oggi ricadono quasi interamente sulle donne (CLICCA QUI), anche in ragione di stereotipi di genere che tardiamo a superare. Dunque, in un Paese in cui il divario di genere nell’accesso al lavoro è particolarmente significativo e al di sopra della media europea, è interessante chiedersi in che misura questo riguardi anche la popolazione straniera e in più in generale quale siano le condizioni di vita e di lavoro delle donne straniere.

(Per la lettura integrale dell’articolo di Percorsi di Secondo Welfare continua QUI)

Orlando De Gregorio

 

 

>>LEGGIMI<<


Una parte di foto e filmati presenti su questo sito è stata trovata su Internet e, quindi, ritenuta di pubblico dominio là dove non è chiaramente indicato il copyright o il diritto di proprietà. Comunque, chi ritenesse di essere il legittimo proprietario di immagini da noi utilizzate è pregato di informarci e di richiedere la rimozione del materiale

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi