APERITIVO INSIEME VENETO – PUGLIA

GIOVEDI’ 13 MAGGIO 2021 (ORE 18,00 – 20,00)

per accedere cliccare Insieme per Veneto

“LE INFRASTRUTTURE PER RILANCIARE L’ITALIA”

SALUTO: Prof. ALFONSO BARBARISI

(Coordinatore nazionale INSIEME “Dipartimento Sviluppo del Mezzogiorno”)

Relatori:

“LO STATO DELLE INFRASTRUTTURE ITALIANE: PROBLEMI E SOLUZIONI”

Ing. PASQUALE CIALDINI

(già Direttore Ministero Lavori Pubblici, Segretario ASSOCIAZIONE GENIO CIVILE ITALIA)

“LE INFRASTRUTTURE PER LA PUGLIA. TERMINALI DELLO STIVALE ITALIA O HUB INTERNAZIONALI?”

Ing. PASQUALE COLONNA

(docente di “Strade, Ferrovie e Aeroporti”, Politecnico di Bari”)

Introduzione e conclusioni: dott. MARIO ROSSI (Componente del coordinamento nazionale INSIEME)

Risalta agli occhi di tutti l’inadeguatezza della dotazione infrastrutturale dell’Italia, soprattutto nel trasporto, dove strozzature e anelli mancanti impediscono recuperi di produttività e ostacolano la creazione di nuova occupazione, in sintesi, bloccano le prospettive di sviluppo. Nel nostro Paese, all’interno degli investimenti nelle costruzioni, la quota dedicata agli investimenti infrastrutturali si attesta all’1,5%, rispetto ad una media europea del 2,7%, provocando di anno in anno la crescita del divario tra l’Italia e gli altri Paesi europei. Le vecchie infrastrutture sono state spesso gestite male, ovvero sono state “maltenute” e non “mantenute” (che deriva dal latino: manu tenere, tenere con mano), con gli effetti catastrofici e le perdite di vite umane che tutti conosciamo. In alcuni casi scelte politiche sbagliate hanno privilegiato la costruzione di nuove “grandi opere”, senza però un’adeguata programmazione e una corretta progettazione. Nei casi in cui la situazione è sfuggita ad un sano ed indispensabile controllo, sono dilagate la corruzione e le infiltrazioni di natura mafiosa, che hanno allungato i tempi di realizzazione delle opere e ne hanno accresciuto i costi. L’iniziativa odierna è promossa dagli amici pugliesi e veneti di INSIEME, per favorire un dialogo solidale tra persone che animano territori diversi con competenza e passione per il bene comune.

Per far fronte a questa situazione verranno illustrate 6 proposte che dovrebbero rientrare nel programma di governo:

1) Piano quinquennale di manutenzione e adeguamento normativo (sismico e antincendio) di strade e ferrovie;

2) Piano quinquennale di interventi di difesa fluviale e sistema di monitoraggio continuo;

3) Completamento degli anelli mancanti (o superamento delle strozzature) sia sulla rete TEN sia

sulla rete nazionale e

completamento delle infrastrutture già iniziate;

4) Sviluppo del trasporto ferroviariomerci con particolare cura al collegamento dei porti e delle a

ree industriali conta rete

ferroviaria (in modo da evitare il doppio trasbordo nave-strada e poi strada- ferrovia);

5) Adeguamento della rete ferroviaria esistente nelle regioni meridionali(elettrificazione e

secondo binario) ed estensione della rete

ad Alta capacità;

6) Piano nazionale della sicurezza stradale per combattere la pandemiadimenticata della

mortalità sulle strade (prima causa di morte

Dei giovani dai 16 ai 28 anni) prevedendo interventi per eliminare i punti neri (luoghi dove

si registrano con più frequenza incidenti) e con il potenziamento del trasporto pubblico nelle

città e con corsi di educazione stradale nelle scuole.

Simone Donadello

Team Comunicazione

INSIEME PER – Veneto