Seleziona Pagina

Accoglienza in famiglia: il modello di Refugees Welcome alla prova Ucraina

Percorsi di Secondo Welfare pubblica in seguente articolo sui rifugiati a firma di Paolo Riva
Dopo l’invasione russa l’organizzazione è stata sommersa dalla disponibilità degli italiani di ospitare in casa propria chi fugge dalla guerra. E anche per questo ha intensificato il lavoro con il Pubblico. Come ci ha spiegato la direttrice Fabiana Musicco, ora però servono strumenti adeguati – come gli albi delle famiglie accoglienti – e una governance chiara da parte delle PA.

Per accogliere le persone in fuga dal conflitto scatenato dalla Russia, lo Stato italiano ha aggiunto anche questa possibilità: dei 17.000 posti circa che il Terzo Settore metterà a disposizione, 4.463 saranno in famiglia. E anche Refugees Welcome sarà coinvolta, all’interno di un progetto presentato dall’ARCI nazionale.

In questo articolo vi raccontiamo la risposta dell’organizzazione alla crisi ucraina, tra continuità e cambiamento. Il pezzo si aggiunge ai più ampi ragionamenti che stiamo realizzando sul sistema di accoglienza italiano di fronte alle conseguenze della guerra in Ucraina.

Gli strumenti per lavorare sull’entusiasmo

Refugees Welcome Italia nasce nel 2015. Durante la cosiddetta crisi dei rifugiati, in parte legata alla guerra in Siria, alcuni cittadini decidono di aprire le porte delle loro abitazioni ai migranti. Da allora, Refugees Welcome si è andata strutturando e, sul suo sito (CLICCA QUI)sito, si legge che oggi è “una organizzazione indipendente che promuove la mobilitazione dei cittadini per favorire l’inclusione sociale di rifugiati, rifugiate e di giovani migranti”.

Siamo una risposta della società civile organizzata: diamo strumenti per mettere a valore la voglia di protagonismo dei cittadini rispetto alle migrazioni”, riprende Musicco. “Abbiamo una metodologia codificata con delle linee guida multidisciplinari. Alle persone accolte, proponiamo progetti personalizzati, ma all’interno di una cornice che favorisce relazioni significative. Da queste, passa l’integrazione”, spiega la direttrice. Refugees Welcome, che ha uno staff centrale e dei gruppi locali, è attiva in 30 città e, da quando è nata, ha accolto circa 400 persone.

Numeri piccoli che, con la guerra in Ucraina, sono esplosi.

Tra il 2015 e l’inizio del 2022, avevamo avuto 9.200 famiglie che si erano iscritte alla nostra piattaforma, dando la disponibilità di ospitare. Dallo scoppio della guerra in Ucraina il 24 febbraio a metà aprile, ne abbiamo contate 4.250. Un record”, racconta Musicco.  disponibilità dei cittadini ad accogliere sono arrivate anche a molti altri enti, tra cui i Comuni, che non sempre sanno come gestirle.

Per la lettura completa dell’articolo CLICCA QUI

Paolo Riva

>>LEGGIMI<<


Una parte di foto e filmati presenti su questo sito è stata trovata su Internet e, quindi, ritenuta di pubblico dominio là dove non è chiaramente indicato il copyright o il diritto di proprietà. Comunque, chi ritenesse di essere il legittimo proprietario di immagini da noi utilizzate è pregato di informarci e di richiedere la rimozione del materiale

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi