Ah Enriché ce stai a tirà certi sganassoni.

Ce stai a rintronà. Nun ce stemo proprio a capì gniente.

E’ sicuro che co’ te nun ce piglia la cecagna.

Prima t’incazzi coi Cinque stelle e cor sor Calenda.

Nun fate le liste assieme. Ve siete messi a quistionà.

Je sei stato a fa, ar sor Giuseppe e ar sor Carlo, dei liscebbusso da fà paura.

Te sei intortato co’ la “vocazione maggioritaria” che tanta sfiga v’aveva già portato a li tempi de Vertroni.

Er Valterino nostro: proprio nun ce beccò. Oh, ma mica se n’è andato in Africa come ce stette a promette.

E adesso, lemme – lemme e senza aggitazzione, come t’avrebbe detto er Trilussa, ce vieni a dì che co’ sti due ce potresti riprende a ragionà subbito dopo l’elezzioni.

E che te porta sta cosa? Pe arritrovarvve tutti quanti a fà la minoranza ar Parlamento?

Te dovevi fa imparà da Prodi e Bertinotti che vole dì la desistenza.

Te la ricordi? Eppure, già c’eri a quei tempi. Se vede che te ne sei scordato.

Lo devi dì agli amichi der Pd: invece de continuà a rintorcinasse in tanta supponenza vedemo da ruspà li voti.

Na vorta che se vota in queste condizioni, fraté, so cavoli amari per noantri, e poi ce toccherà riccattà baracca e burattini e preparasse a riccontà a li nipoti nostri tutte le boiate che semo stati a fà.