Nel primo trimestre 2020, le attivazioni di nuovi contratti di lavoro sono risultate in calo del 10% rispetto allo stesso periodo 2019 (circa 300mila assunzioni in meno), con un ovvio crollo registrato a marzo quando, a causa dell’emergenza Coronavirus, sono state sospese tutte le attività. In quel solo mese, le attivazioni sono crollate quasi del 37%, quando invece  i primi due mesi dell’anno avevano lasciato ben sperare con una crescita tendenziale del 2-3%.

Come evidenziano i dati ministeriali sulla base delle comunicazioni obbligatorie pervenute, si tratta di una crisi del mercato del lavoro che era dunque inevitabile, e che ha coinvolto in primis il Nord Italia (-14,4%) e in misura minore il Sud del Paese (-4,4%) – dove a calare sono soprattutto le assunzioni femminili – con dati medi al Centro (-11,3%).

Di contro, il settore Agricoltura ha registrato una crescita (+4,9%), dove hanno prevalso i contratti a termine ma dove a marzo si è segnato -41,9% e nel trimestre, sempre e comunque, un calo del 10,4%.

I contratti di apprendistato hanno segnato nel trimestre -11,5%. Le attivazioni dei contratti di collaborazione -11,9%. Trend negativo anche per il lavoro in somministrazione (-11,8% di attivazioni).

Il calo delle assunzioni ha riguardato maggiormente i lavoratori di età inferiore a 54 anni (soprattutto i giovani), con un incremento di quelle per i 55-64enni (+5,0%) e ultra sessantaquattrenni (+5,8%).

Nei rapporti di lavoro, nel trimestre si è registrato +5,5%, con trend omogeneo in termini geografici, ma focalizzato soprattutto nel settore dei Servizi (76,8%). Considerando le cause di cessazione, in realtà, emerge prepotente quella dei pensionamenti (+152,4%).

Pubblicato su PMI.it ( CLICCA QUI )

 

Immagine utilizzata: Pixabay