Alle prime telefonate che manno fatto fin quà, sto nella savana del nord del Kenya, dove c’è un po’ de fresco e pure li leoni nun hanno proprio voja de mettesse a core, gli ho risposto: “ma lassatelo perde, deve avè problemi de pagnotta e c’ha prèscia de cambià padrone e, allora, deve da trovà er modo d’appecoronasse”.

E loro invece a insiste e a insiste: “Rotondi dice che, oggi, De Gasperi è la Meloni. Che lei nun è fascio perché è na pischella che, quanno venne ar mondo, er puzzone nun ce stava più da trent’anni. Come se fascisti so’ solo quelli che stavano a marcià su Roma. Anvédi che te sta a dì sto Rotondi…”.

E allora, loro a insiste e a insiste: “a sto’ Rotondi je va detto quarcosa papale papale. Faje capì che sta’ a di’ ‘na calla; che se mette a dà le patacche de latta der degasperismo. E prima cor Berlusca, e mò che la sola prova a rifilalla alla Meloni”.

E io, ‘nvece, a provà de svià er discorso: “Ma se pure Giorgia, la cantante eh!, jel’ha detto: “anch’io me chiamo Giorgia, ma nun rompo li …”. C’ho ancora arriprovato: “ma lassatelo perde, fa er paìno ma nun conta gnènte, è come er due de coppe quanno regna denari. Lui prova solo a fa er provola co’ Giorgia”.

Ma gnente. Come se nun avessi proprio fiatato. E questi a insiste, e a insiste: “je vanno detto quattro a sto’ Rotondi”. E continuavano a accollasse come se fosse questione de vita o de morte. So amichi, poverelli, ce tengono a De Gasperi. Nu je potevo certo dire scialla.

E così me tocca de ragliagli quarche cosa a st’avellinese che se vede s’è abbioccato a forza dè girà pe’ i ministeri e, magara, ma a questo nun ce credo, uno potrebbe arrivà a pensà che pe’ regge er ritmo, ogni tanto, potrebbe pure rotolà.

Però, c’ho armeno la  fortuna, armeno quello!, che da lontani parenti parliamo la stessa lingua.