Liberamente tratto e tradotto da un articolo pubblicato sul sito della BBC ( CLICCA QUI )

Un programma di formazione progettato per scoraggiare l’uso di cattivi metodi da parte delle polizia  è stato adottato negli Stati Uniti dopo che per mesi sono continuate le proteste per l’uso eccessivo della forza. Il progetto è stato ideato da un sopravvissuto all’Olocausto il quale ritiene che, dopo l’applicazione con successo in una città, possa cambiare la cultura della polizia a livello nazionale.

Mentre la seconda guerra mondiale raggiungeva il culmine, le azioni di due persone hanno lasciato un segno indelebile nella vita di Ervin Staub. Nato in Ungheria da una famiglia ebrea, aveva sei anni quando le forze tedesche naziste occuparono l’Ungheria nel 1944. Per volere dei nazisti, centinaia di migliaia di ebrei ungheresi furono radunati e deportati nei campi di sterminio. Due interventi decisivi hanno assicurato che il dottor Staub e la sua famiglia non subissero la stessa sorte.

Una donna di nome Maria Gogan ha nascosto lui e sua sorella di un anno presso una famiglia cristiana. “Si è presa cura di noi bambini”, ha detto Staub alla BBC. “Stavo camminando con lei e mia sorella a Budapest quando sono entrati i carri armati tedeschi”. Per un po’, il dottor Staub e sua sorella si sono finti i parenti della signora Gogan. Poi, quando la madre del dottor Staub ha ottenuto dal diplomatico svedese Raoul Wallenberg documenti d’identità per la sua famiglia, si sono trasferiti in un altro rifugio. ( … )

Dopo aver sopportato la guerra e un decennio di comunismo in Ungheria, il dottor Staub è fuggito negli Stati Uniti  dove ha studiato la psicologia della violenza, del genocidio e della moralità. Ha conseguito un dottorato di ricerca presso la Stanford University e ha insegnato alla Harvard University.  Il suo libro più recente è intitolato “Le radici della bontà e la resistenza al male”.

Al giorno d’oggi, non è il genocidio a preoccupare il dottor Staub. È l’uso eccessivo della forza da parte degli agenti di polizia negli Stati Uniti.

Per sedare questa violenza, il dottor Staub ha avuto un’idea semplice, rifacendosi a quello che chiama il ruolo di “spettatori attivi” come quello che fu della signora Gogan.

“Queste persone erano spettatori attivi e eroici che si sono messi in grave pericolo”, ha detto il dottor Staub. “Hanno avuto un’enorme influenza sulla mia motivazione a studiare ciò che porta le persone ad aiutare gli altri”.

A 82 anni, il dottor Staub sta vivendo una rinascita della sua scuola di pensiero. Il suo concetto di spettatore attivo ha iniziato a prendere piede nel 2020, un anno di resa dei conti per le forze di polizia negli Stati Uniti.

Il caso di George Floyd, un uomo di colore morto in custodia a Minneapolis, Minnesota a maggio, ha riacceso un lungo dibattito sull’ingiustizia razziale e la polizia negli Stati Uniti. Appelli diffusi per la riforma della polizia sono scaturiti dall’uccisione di Floyd e da quella di altri neri americani.

In più di 30 dipartimenti di polizia negli Stati Uniti, un programma di formazione basato sulle idee del dottor Staub è stato incluso nei progetti di riforma.

“Alcune persone vogliono estirpare la violenza dai dipartimenti di polizia”, ha detto il dottor Staub. “Abbiamo bisogno della polizia, ma abbiamo anche bisogno di una trasformazione nei dipartimenti di polizia”.

La formazione, denominata Ethical Policing Is Courageous (EPIC), incoraggia gli ufficiali a intervenire se vedono una cattiva condotta all’interno dei loro ranghi. È stato introdotto per la prima volta dalle forze di polizia nella città della Louisiana di New Orleans nel 2014. ( … ). A ogni ufficiale viene ricordato il dovere di agire se vede un cattivo comportamento, ripudiando il cosiddetto “muro blu del silenzio”. Questo ethos capovolge il modo in cui gli agenti pensano tradizionalmente della lealtà verso i loro commilitoni.

“La lealtà non sta dicendo, ‘beh, hai fatto qualcosa di sbagliato, ti proteggerò'”, ha detto alla BBC Lisa Kurtz, responsabile presso il dipartimento di polizia di New Orleans (NOPD). “La lealtà è che dico, ‘stai per fare qualcosa di sbagliato e ti fermerò'”.

Ernest Luster, un ufficiale veterano del NOPD, ha detto che l’addestramento ha completamente cambiato la dinamica della polizia in città.

“C’era sempre questa percezione con la polizia di noi contro di loro, di loro contro di noi”, dice Mr Lustre, un sergente con più di 20 anni di esperienza. “Ora stiamo lavorando insieme per rendere la comunità sicura”.

Il programma EPIC, insieme ad altre riforme, sembra aver dato risultati. Un rapporto del 2019 ha rilevato un forte calo degli “incidenti critici” che comportano l’uso della forza da parte degli agenti di New Orleans. Questi incidenti sono scesi da 22 nel 2012 a cinque nel 2018. Quell’anno, il NOPD non ha sparato, ferito gravemente o ucciso alcun civile, afferma il rapporto.

Anche la soddisfazione nei confronti della polizia è aumentata. Un sondaggio del 2019 ha rilevato che il 54% dei residenti di New Orleans era soddisfatto delle prestazioni complessive del NOPD, un aumento del 21% dal 2009.

Questi risultati migliorati segnalano fino a che punto è arrivato il NOPD dai giorni bui degli anni 2000. Allora, la forza fu inghiottita dallo scandalo. Criminalità e cattiva condotta erano all’ordine del giorno.

La signora Howell ha dedicato gran parte dei suoi 40 anni di carriera a perseguire giustizia per le vittime di questi atti. Uno degli incidenti più preoccupanti, ha ricordato, è avvenuto sulla scia dell’uragano Katrina nel 2005. Quell’anno, gli ufficiali di New Orleans hanno sparato a sei persone sul ponte Danziger della città, uccidendone due. Tutte le vittime erano afroamericani. Nessuno era armato, né aveva commesso alcun crimine. Undici agenti alla fine si sono dichiarati colpevoli delle accuse relative alle sparatorie.

La signora Howell ha detto di essere rimasta sgomenta per questo e altri incidenti simili, che si sono verificati ripetutamente a New Orleans. La violenza, ha detto, è avvenuta a cicli:”Si vedono gli stessi schemi con la violenza domestica”, ha detto la signora Howell. “Ci sarebbe stato un terribile incidente, e poi ci sarebbero state le caramelle, i fiori, e ‘mi dispiace tanto’. Poi sarebbe successo di nuovo.”

Al suo punto più basso nel 2012, il NOPD è stato sottoposto alla supervisione federale (…). Uso della forza, arresti, perquisizioni, sequestri e arresti; tutto è stato rivisto per ricostruire la fiducia e migliorare la sicurezza pubblica. Un nuovo regime di formazione era una componente chiave di quel cambiamento.

In quel corso di formazione entrarono in gioco la signora Howell e il dottor Staub. La signora Howell si imbatté per la prima volta nel lavoro del dottor Staub negli anni ’90 leggendo un articolo del New York Times in cui il dottor Staub parlava di un programma di formazione  progettato per le forze di polizia in California. ( …)