Nel 2017, mentre Donald J. Trump annunciava il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo sul clima di Parigi, il più grande sforzo globale per attaccare il riscaldamento planetario, ha dichiarato: “Sono stato eletto per rappresentare i cittadini di Pittsburgh, non Parigi”.

Mercoledì, il presidente Biden si è recato a Pittsburgh per provare a sostenere il caso opposto: che i lavoratori Trump chiedeva di avere più da guadagnare dalla lotta al cambiamento climatico che da perdere.

Sarà una scommessa difficile per Biden. Un suo piano infrastrutturale da 2 trilioni di dollari riguarda la creazione di posti di lavoro, centinaia di migliaia, nei settori dell’energia eolica e solare, delle auto elettriche e della costruzione di ponti e strade. Anche quei progetti infrastrutturali più basilari seguirebbero una logica climatica: le nuove strade e ponti sarebbero costruiti per resistere alle alte acque e alle brutali tempeste provocate da un clima che cambia.

“Sono un sindacalista. Sostengo i sindacati, i sindacati hanno costruito la classe media. È giunto il momento di iniziare a ottenere un risultato “, ha detto Biden a Pittsburgh. Egli ha promesso “lavori ben retribuiti” per “lavoratori americani” che producono “prodotti americani”.

Non è un nuovo passo. Per decenni, i democratici hanno insistito sul fatto che “il lavoro contro l’ambiente” è una scelta sbagliata. Ma nella portata della sua proposta e nell’audacia delle sue promesse, Biden potrebbe focalizzare definitivamente il suo futuro politico su quell’idea. Affronta, però, molto scetticismo.

Nel Michigan, uno stato critico per il futuro politico del Presidente, i lavoratori del settore automobilistico sanno che ci vuole un numero più ridotto di loro per costruire un’auto elettrica. Il senatore Joe Manchin III, democratico della Virginia Occidentale, il cui voto potrebbe ancora una volta decidere il destino del pacchetto, sa che i minatori di carbone nel suo stato guadagnerebbero molto meno montando turbine eoliche. In Pennsylvania, stato che ha premiato Biden lo scorso novembre e poi ha ospitato il suo discorso di questo mercoledì, alcuni lavoratori  non vedono come le competenze da loro affinate nel corso di decenni nelle industrie dei combustibili fossili si tradurranno in un futuro di energia pulita.

“Continuano a dire: ‘Ti faremo passare ai lavori nel solare’. Non è così che funziona”, ha detto Shawn Steffee, leader del Boilermakers Local 154 a Pittsburgh. “Costruiamo centrali elettriche, impianti petrolchimici e manteniamo acciaierie”. ( …)

I leader sindacali – alcuni dei quali sono passati dal sostenere Trump nel 2016 a Biden nel 2020 – affermano che per ora lavoreranno con lui per il cambiamento climatico, anche se trasforma i loro luoghi di lavoro. Ma sono scettici sul fatto che i lavori ben retribuiti che il Presidente promette si concretizzeranno, osservando che, finora, l’ecosistema di produttori, appaltatori e sviluppatori di servizi pubblici  cresciuto attorno all’economia verde è stato spesso poco retribuito e ostile ai sindacati. “Il nuovo mantra del presidente è ‘Build Back Better’ con buoni posti di lavoro che hanno buoni salari, e non solo salari ma rappresentanza”, ha detto Joe Davis, coordinatore politico statale per l’International Brotherhood of Electrical Workers nel Michigan. “Ma queste aziende sembrano resistere a questo.”

(….) Nessun settore può avere più da guadagnare – o perdere – dal piano per il clima di Biden delle case automobilistiche americane, che attualmente impiegano circa un milione di lavoratori. Il piano infrastrutturale del presidente propone 174 miliardi di dollari per incoraggiare la produzione e l’acquisto di auto elettriche, che oggi costituiscono solo il 2 per cento dei veicoli in circolazione sulle autostrade americane.

(…. ) Dal punto di vista del clima, il piano ha un senso. Le emissioni di combustibili fossili dai tubi di scappamento dei veicoli sono la principale causa di inquinamento da riscaldamento del pianeta negli Stati Uniti. Sostituire i consumatori di benzina sulla strada con veicoli elettrici potrebbe essere uno dei modi più efficaci per ridurre le emissioni della nazione.

Dal punto di vista della creazione di posti di lavoro, è più complicato. Da un lato, ci vuole circa un terzo in meno di lavoratori per costruire un’auto elettrica rispetto a un’auto con un motore a combustione interna. Dall’altro, il piano potrebbe rendere Detroit più competitiva e aumentare la sua quota nel mercato automobilistico globale.

La soluzione proposta da Biden è di attirare l’industria delle batterie elettriche e la sua catena di approvvigionamento negli Stati Uniti dalla Cina e da altre parti dell’Asia, con un mix di crediti d’imposta sulla produzione e altri incentivi. Se il piano funzionasse, i prossimi due anni vedrebbero la nascita di nuove batterie per veicoli elettrici e impianti di assemblaggio in tutto il paese. Se fallisse, Biden potrebbe affrontare dure ripercussioni politiche.

(… ) Ma anche con nuovi stabilimenti, gran parte del lavoro può avvenire al di fuori degli Stati Uniti. Secondo un recente rapporto del Center for Strategic and International Studies e BloombergNEF, un gruppo di ricerca sull’energia, solo il 46% del valore di una batteria Tesla assemblata negli Stati Uniti proviene da questo paese. Il resto arriva dal Giappone e dalla Cina.

Il piano energetico di Biden dedicherà anche $ 100 miliardi per aggiornare e modernizzare la rete elettrica per renderla più affidabile e in grado di instradare l’energia dagli impianti eolici e solari alle grandi città.  Biden estenderebbe anche i crediti d’imposta che sovvenzionano gli investimenti nell’energia eolica e solare.

L’accelerazione del passaggio all’energia eolica e solare creerà probabilmente decine di migliaia di posti di lavoro nel settore edile, affermano economisti e funzionari del settore. Ma questi lavori in genere sono pagati molto meno di quelli nell’industria dei combustibili fossili.

Anthony Prisco, il capo del personale della Aerotek, ha detto che un progetto solare standard impiegherebbe circa 250 lavoratori per poco meno di un anno. Circa un terzo dei lavoratori guadagna $ 30 l’ora o più; gli altri due terzi hanno meno competenze e guadagnano una paga oraria inferiore a $ 20. Al contrario, la costruzione di una centrale elettrica a gas dura in genere da due a tre anni e impiega centinaia di lavoratori qualificati- elettricisti, installatori di tubi e caldaie – che guadagnano $ 75.000 all’anno o più, compresi i benefici.

“Quando si parla della transizione alla nuova economia verde, la prima domanda deve essere come faranno le persone a compiere una mossa economica in senso orizzontale”, ha detto in un’intervista Sean McGarvey, presidente di Building Trades Unions del Nord America. lo scorso mese. “Posso dirvi che nel settore eolico e solare onshore,  stiamo parlando in alcuni casi di una riduzione dello stipendio del 75% e della perdita di molti benefici”.

Jim Harrison, direttore delle energie rinnovabili per l’Utility Workers Union of America, ha affermato che in genere occorrono centinaia di lavoratori per far funzionare e mantenere una centrale nucleare a carbone, diverse dozzine in una centrale a gas e circa una dozzina in un parco eolico. I campi solari possono spesso funzionare senza un solo lavoratore in loco.

Biden ha riconosciuto che i suoi piani potrebbero lasciare circa 130.000 lavoratori del petrolio, del gas e del carbone senza i mezzi di sostentamento. Ha incluso un programma da 16 miliardi di dollari per aiutare i lavoratori dei combustibili fossili a passare a nuovi lavori, per limitare le perdite sui pozzi petroliferi in disuso e per chiudere le miniere di carbone.

L’industria dei combustibili fossili, sebbene generalmente favorevole alla chiusura dei pozzi abbandonati, sostiene che Biden stia sopravvalutando le opportunità di lavoro offerte in alternativa.

( … ) Tuttavia, qualunque siano le loro preoccupazioni, i rappresentanti sindacali hanno espresso ottimismo sul piano Biden, in particolare sul suo grande investimento in infrastrutture tradizionali come strade e ponti. “Questi investimenti possono ripristinare il nostro benessere economico e creare centinaia di migliaia di buoni posti di lavoro”, ha affermato in una dichiarazione Terry O’Sullivan, presidente dell’Unione internazionale dei lavoratori del Nord America.

A Pittsburgh, un’ex città dell’acciaio che si è trasformata in un centro per l’alta tecnologia e la medicina, i leader sindacali hanno chiarito che sostengono lo sviluppo dell’energia pulita. Ma in altre parti della Pennsylvania occidentale, i lavoratori strettamente legati alle industrie dei combustibili fossili avevano delle riserve.

“Non vedo che il solare o l’eolico creano tanti posti di lavoro quanti ne ricaviamo da impianti petrolchimici, impianti criogenici o centrali elettriche a carbone”, ha affermato Kenneth Broadbent, business manager dello Steamfitters Local 449 di Pittsburgh, che ha approvato il piano del Presidente Biden. “Non è possibile fermare le auto elettriche”, ha detto Broadbent. Ma, ha aggiunto, “Non penso che il gas naturale, il carbone e il nucleare verranno eliminati gradualmente come la gente vorrebbe”.

Un complesso petrolchimico della Royal Dutch Shell da 6 miliardi di dollari in costruzione nella contea di Beaver, a nord-ovest di Pittsburgh, impiega 2.700 lavoratori. Broadbent conclude:” il piano Biden, se approvato, potrebbe creare posti di lavoro, ma non sarà una “manna dal cielo” come è stata l’industria petrolchimica”.

Liberamente tratto e tradotto da The New York Times ( CLICCA QUI )