Il ministro delle finanze dell’Iraq, Ali Allawi, uno dei membri fondatori del cartello petrolifero globale Opec, assieme al Direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birolha, proprio alla vigilia di un appuntamento chiave i produttori di greggio, ha lanciato un appello senza precedenti agli altri produttori di petrolio affinché si riduca la dipendenza dai combustibili fossili e si faccia crescere le energie rinnovabili.

Ali Allawi, che è anche il vice primo ministro dell’Iraq, ha sollecitato i produttori di petrolio a perseguire “un rinnovamento economico incentrato su politiche e tecnologie rispettose dell’ambiente” che includa l’energia solare, eventualmente l’uso di reattori nucleari al fine di ridurre la loro dipendenza dalle esportazioni di combustibili fossili.

Ali Allawi e Fatih Birol hanno scritto: “Per avere una possibilità di limitare i peggiori effetti del cambiamento climatico, il mondo ha bisogno di modificare radicalmente il modo in cui produce e consuma energia, bruciando meno carbone, petrolio e gas naturale… Se le entrate petrolifere iniziano a diminuire prima che i paesi produttori abbiano diversificato con successo le loro economie, i mezzi di sussistenza andranno persi e i tassi di povertà aumenteranno”.